Eretto nel XII secolo adattando il dorico tempio di Atena, del V secolo a. C., famoso nell'antichità per la sua magnificenza. La grandiosa e animata facciata barocca, a due ordini di colonne e con statue del Marabitti (secolo XVIII), fu inalzata nel 1728 /1754 da Andrea Palma.



...

  • Sicilia
  • Siracusa
  • Siracusa

Piazza D'Uomo
Sul fianco sinistro sporgono dal muro i capitelli dorici, parte dei fusti della 12 colonne e l'architrave del tempio di Atena. L'interno a tre navate, fu ottenuto aprendo la cella del tempio con otto arcate per parte, in modo da creare la navata centrale, e chiudendo gli spazi tra le colonne della peristasi. Copre la navata mediana un bel soffitto in legno del 1518. Dal fondo della navata destra si passa nella Cappella del Crocifisso che raccoglie vari dipinti su tavola dei secoli XV e XVI, tra cui S. Zosimo, attribuito ad Antonello da Messina. Sull'altare dell'abside statue di Antonello Gagini.

Il Teatro Greco
E' il massimo monumento del genere giunto a noi dall'antichità greca. Se ne ha notizia fin dagli inizi del V secolo a.C., quando vi si rappresentavano tragedie di Eschilo e commedie di Epicarmo. Nella forma attuale esso corrisponde, però, al radicale rinnovamento fattone verso il 230 a. C. sotto Gerone II, cui seguirono vari adattamenti in età romana tra il e IV secolo dopo Cristo. E' scavato quasi per intero nella roccia e ha forma poco più che semicircolare, col diametro di metri 138. La gradinata, che accoglieva circa 15mila spettatori, è divisa in nove settori con 61 ordini, di cui ne rimangono 46. Circa metà altezza le gradinate sono interrotte da un largo corridoio sulla cui cornice si leggono, incisi nella roccia, i nomi delle divinità e dei membri della famiglia di Gerone II, ai quali erano intitolati i singoli cunei della gradinata. Dalla terrazza intagliata nella roccia in cima alle gradinate, si ha un bellissimo panorama di Siracusa e del Porto Grande. Sulla sinistra della terrazza, inizia la caratteristica via dei Sepolcri, tagliata in trincea nella roccia, lungo le cui pareti sono incavi votivi e sotterranei funerari di età bizantina.


Contenuti tratti dal sito: www.grifasi-sicilia.com


...