Arte

Unità politica e culturale dall'Europa ai Paesi orientali Nei cinque secoli in cui avviò e consolidò il suo dominio, Roma ebbe il merito di unificare culturalmente ed economicamente una vastissima parte del mondo antico, dall'Atlantico fino ad oltre la Mesopotamia, dall'Inghilterra fino alle regioni settentrionali dell'Africa.



...

Anche le più lontane città conobbero le leggi del diritto romano e tutti i cittadini delle terre conquistate potevano affluire liberamente nella capitale. I legionari fondarono numerose città, molte delle quali sono ancor oggi floride capitali.

Al tempo stesso, Roma assimilò il patrimonio culturale e artistico di molti centri esistenti. Per molti secoli dalla sua fondazione, che secondo la leggenda risale al 753 a.C., Roma fu orientata ad accrescere la sua potenza politica e militare. Per questo motivo, venne posta particolare attenzione agli aspetti tecnici e di gestione del territorio, attraverso la realizzazione di una complessa rete di strade, ponti ed acquedotti in tutte le regioni conquistate.

La crescita economica, consolidata si a partire dal I secolo a.C., si arrestò intorno alla fine del III secolo d.C, quando si intensificarono disordini politici e iniziarono le invasioni di popoli barbarici. Alla fine del IV secolo, l'Impero venne suddiviso tra i territori occidentali ed orientali, sancendo così il declino delle regioni d'Occidente. Tuttavia, la cultura e l'arte della civiltà romana diverranno un'eredità fondamentale per la storia della cultura europea, a partire dalla diffusione del pensiero cristiano.



...